Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Conferenza di F. Moro “Venezia e l’Adriatico orientale dalla Quarta Crociata alla Guerra di Candia”

12 dicembre ore 16:30 - 18:00

L’Unione degli Istriani ha l’onore di ospitare per la prima volta a Trieste Federico Moro, illustre studioso, storico, scrittore e drammaturgo di fama nazionale, che con questa prima relazione aprirà un lungo ciclo di conferenze che si concluderanno nella  primavera 2019.

Vi aspettiamo numerosi!

***

Di seguito una sua breve biografia.

Federico Moro, nato a Padova nel 1959, è membro dell’Associazione italiana di cultura classica, della Società italiana di storia militare e dell’Ateneo Veneto di Venezia.

Laureatosi in Storia Moderna all’Università di Ca’ Foscari e specializzatosi in Storia di Venezia, ha sviluppato un organico approccio geostrategico nello studio della Repubblica Serenissima. Questa è analizzata alla luce delle riflessioni dei maggiori pensatori del passato, da Sun Tzu e Sun Pin a Machiavelli e von Clausewitz, da B.H. Liddell Hart ad A.T. Mahan, e del presente come Quiao Liang e Wang Xiangsui. Frutto di tale lavoro è la ricerca delle costanti geopolitiche di lungo periodo alla radice delle vicende non solo veneziane, ma più in generale adriatiche e italiane all’interno delle dimensioni Mediterraneo allargato e Cindoterraneo oltre a numerosi articoli e conferenze in ambiti istituzionali. Nel 2005 è uscita la prima edizione del saggio “Venezia in Guerra”.

L’interesse per tale impostazione, comunque, ha prodotto nel 2007 l’uscita della seconda edizione illustrata del saggio, quindi la traduzione in lingua inglese cui è seguita nel 2011 la terza edizione riveduta, corretta e ampliata e la versione e-book della traduzione inglese. Il fortunato libro è stato utilizzato come fonte da Tiziano Scarpa nel suo “Stabat Mater”, vincitore del Premio Strega e del Premio Mondello nel 2009.

Nel 2008, intanto, era stato pubblicato il saggio Ercole e il Leone dedicato all’ultimo conflitto tutto italiano del Medio Evo.

Nel gennaio 2012, è uscito quindi il saggio “Angelo Emo, eroe o traditore?” sulla figura tragica e dalla morte controversa dell’ultimo grande ammiraglio veneziano, e nel 2013 “Eptaneso, quando Venezia diventò Grecia”, che affronta le romanzesche vicende dell’Arcipelago delle Sette Isole Ionie all’indomani della caduta della Serenissima, rivelandone l’importanza geostrategica nel quadro del secolare confronto tra Francia e Gran Bretagna per il dominio del Mondo.

Nel 2014 è stato pubblicato “Venezia ultima spiaggia, da Focea ai Dardanelli, cinque battaglie per cambiare la Storia, 1649-57”, prima ricostruzione di alcune delle fasi decisive della lunga Guerra di Candia e, quasi in contemporanea, il contributo dedicato alla figura di Lazaro Mocenigo dal titolo “Una battaglia per la storia: Dardanelli 1657”, in Naval History, la Sism ricorda Alberto Santoni nei Quaderni della Società Italiana di Storia Militare.

L’anno successivo, 2015, “Il sogno di Carraresi, Padova Capitale, 1350-1406”, saggio dedicato alle figure dei due più importanti e controversi signori di Padova, Francesco I il Vecchio e Francesco II Novello da Carrara.

Risale al febbraio 2017 “Venezia neutrale, la fatale illusione”, saggio sugli ultimi cinquant’anni di vita della repubblica Serenissima. Un lavoro di cui Virgilio Ilari, presidente della Società Italiana di Storia Militare ha scritto nell’introduzione “[…] Abbiamo di fronte, quindi, un testo che non racconta solo cosa accadde alla Serenissima dalla seconda metà del Settecento alla caduta, bensì s’interroga sulla lezione per il presente di quegli avvenimenti. Trasformandoli in caso di studio […]”

Subito dopo, il contributo “I veneziani a Ravenna”, in Quaderni Romagnoli-Libro Aperto, ricostruzione di ragioni e modalità dell’acquisizione della città romagnola da parte della Serenissima alla metà del Quattrocento.

Nel 2018 pubblica il primo di una serie di dieci volumi imperniati sui concetti di Mediterraneo allargato e Cindoterraneo: “Venezia e la guerra in Dalmazia, 1644-49” è un viaggio sino agli inizi della Guerra di Candia vista dall’angolatura di un fronte dimenticato che avrebbe, invece, potuto diventare fondamentale. Non solo, esamina le conseguenze di lungo periodo del mutamento etnico avvenuto proprio in quel periodo sulla sponda orientale adriatica.

A luglio del 2018 esce il secondo volume della serie, “Venezia alla conquista di un impero, Costantinopoli 1202-04”, incentrato sulle vicende della Quarta Crociata vista non solo come momento di fondazione della potenza veneziana, ma anche quale dimostrazione sintetica delle costanti in azione lungo l’asse adriatico-egeo. Un testo sotto molti aspetti inusuale anche perché rivede su base documentale la consistenza numerica dei contingenti veneziano e crociato e, in virtù dei nuovi dati, rovescia la tradizionale interpretazione sui rapporti veneto-franchi.

***

Per una più dettagliata biografia consultare la voce relativa su Wikipedia.

Dettagli

Data:
12 dicembre
Ora:
16:30 - 18:00
Categoria Evento:

Organizzatore

Unione degli Istriani

Luogo

Palazzo Tonello
Via Silvio Pellico, 2
Trieste, TS 34122 Italia
+ Google Maps